La fabbrica dei cappelli e i tunnel…

Ci muoviamo alla volta di Puna Pau, cava in un piccolo cratere conico alla periferia di Hanga Roa, nel sud ovest dell’isola di Pasqua. Puna Pau dà anche il nome ad una delle sette regioni del Parco nazionale di Rapa Nui. Puna Pau era l’unica fonte delle rocce rosse che il popolo Rapa Nui utilizzava per scolpire il pukao (cappello) messo sulle teste di alcuni moai.

img_20160921_193950-pano
Le pietre rosse

La pietra rossa di Puna Pau è stata utilizzata anche per alcuni moai non standard, tra cui i Tukuturi e anche per alcuni petroglifi.

img_20160921_194115
Pukao di pietra rossa

Da notare la cavità scavata nella roccia che serviva per inserire il copricapo sulla testa del Moai. Nel sito archeologico vi sono circa una ventina di Pukao in buono stato di conservazione. Proseguiamo il nostro itinerario per ammirare le cave di Ana Te Pahu. Queste grotte erano usate dagli antichi indigeni di Rapa Nui come rifugi o nascondigli. Le grotte sono tunnel di lava in realtà vuoti che un tempo contenevano fiumi di lava fusa. Una volta scaricata la lava sono rimasti solamente i tunnel vuoti.

img_20160921_175937hdrimg_20160921_180228img_20160921_180250img_20160921_180334img_20160921_180358

All’interno dei tunnel vi è poca luce e molta umidità con l’acqua che gocciola dal soffitto soprattutto nella stagione delle piogge; si avverte una certa inquietudine ma la curiosità e la bellezza di questo complesso sotterraneo creato dalla natura prendono il sopravvento e ci lasciano stupiti e meravigliati da tanta beltà. Le volte delle grotte sono alte e non c’è bisogno di camminare chinati. Sono arcuate verso il basso e convergono verso il pavimento relativamente piatto. Senza dubbio in tempi antichi sono stati rimossi i detriti rocciosi più ingombranti ed oggi sono rimasti solamente i detriti più piccoli. Camminando s’incontrano pozze d’acqua stagnante e a causa della scarsa luce è consigliabile calzare scarpe da trekking perchè le profondità sono molto variabili.

Facciamo ritorno al nostro hotel e ci prepariamo per rientrare sulla terra ferma a Santiago del Cile per fare poi ritorno in Italia. Questa esperienza ci ha arricchito sotto ogni profilo. Abbiamo visitato luoghi incredibili e di rara bellezza, siamo passati dall’aridità del deserto sino alla rigogliosità della vegetazione della Valle dell Elqui. Abbiamo incontrato persone meravigliose che ci hanno fatto sentire parte integrante del loro tessuto sociale e non semplici turisti di passaggio. Stesso discorso vale per l’Isola di Pasqua vera perla oceanica come le migliaia di isole del Pacifico. Questo viaggio non resterà solamente un bel ricordo ma verrà sicuramente rivissuto da parte nostra in un futuro prossimo.

img_20160921_194723
Raffa & Carlo

Desideriamo ringraziare il Tour Operator “Tour 2000” di Ancona ed in particolare il Sig.re M.Savoia dell’agenzia viaggi “Alderan” di Roma per la professionalità e la pazienza dimostrate nell’assecondare le nostre richieste.

 

 

A caccia di Moai…

Dopo 5 ore di volo da Santiago sorvolando l’immenso Oceano Pacifico, atterriamo all’aeroporto di Mataveri sull’Isola di Pasqua.

img_20160919_153327
Aeroporto Mataveri
img_20160919_153505
Uscita verso l’isola

In puro stile Hawaiano ci attende la guida locale che ci fa indossare le tipiche ghirlande di fiori polinesiane.

img_20160919_163754
Il gesto di benvenuto

L’Isola di Pasqua è un’isola dell’Oceano Pacifico meridionale appartenente al Cile. Situata a 3.601 km a ovest delle coste del Cile e 2.075 km a est delle Isole Pitcairn, è una delle isole abitate più isolate del mondo. L’Isola di Pasqua è situata sulla dorsale pacifica dalla quale prende origine. La costa si abissa quindi rapidamente nei dintorni dell’isola fino a profondità che possono raggiungere i 3000 metri. A causa delle sue origini vulcaniche l’isola si è formata su di una base basaltica tipica per le dorsali oceaniche e non vanta quindi molte spiagge ma è invece caratterizzata per la maggior parte da ripide scogliere. La sua forma ricorda vagamente quella di un triangolo rettangolo, con una lunghezza massima di 24 chilometri e una larghezza massima di 13 chilometri. Le tre elevazioni principali sono date da tre coni di vulcani spenti, che sono il Rano Kau, il Maunga Puakatiki e il Maunga Terevaka. Quest’ultimo raggiunge un’altezza di 509 metri ed è pertanto il punto più elevato di tutta l’isola. Nella zona meridionale dell’isola si trovano infine tre isole minori (Motu Iti, Motu Kau Kau e Motu Nui) che invece sono disabitate. L’arcipelago più vicino all’Isola di Pasqua è l’arcipelago delle isole Austral, con le isole di Tubuai e Rapa. A causa della sua posizione l’Isola di Pasqua gode di un clima subtropicale con temperature medie che si aggirano intorno ai 21 gradi centigradi e con uno sbalzo termico quasi nullo tra una stagione e l’altra. L’isola è quindi esposta per la maggior parte dell’anno all’aliseo, che soffia in direzione nord est. Arriviamo al nostro albergo completamente immerso nella vegetazione locale.

img_20160919_163419img_20160919_165428img_20160919_165451img_20160919_165500img_20160919_165516

L’Isola di Pasqua con le sue sole 48 specie vegetali native è una tra le isole più povere di specie vegetali in tutta l’area del Sud Pacifico. L’isola infatti è situata in una zona lontana dalla costa e in tutta la sua storia geologica non ha mai goduto di un collegamento con la terraferma, mentre la maggior parte delle correnti oceaniche che interessano l’isola provengono da occidente e non portano pertanto semi dalla terraferma. Anche il contributo da parte delle specie di uccelli migratori che popolano l’isola è stato modesto. Posiamo i bagagli e facciamo un giro per vedere l’Oceano e le bellezze locali.

img_20160919_184105
Ocean landscape

img_20160919_182810img_20160919_183005img_20160919_183014img_20160919_183241img_20160919_183403img_20160919_184951hdrimg_20160919_190128

La storia dell’Isola di Pasqua è difficile da ricostruire in quanto mancano completamente fonti certe e i primi coloni non hanno lasciato documenti scritti ai quali fare riferimento, dato che questi popoli all’epoca della prima colonizzazione dell’isola non disponevano ancora di una scrittura. Per quanto riguarda l’origine della popolazione anche qui sorgono diverse controversie. Secondo Thor Heyerdahl, un fautore della tesi della colonizzazione a più ondate, la popolazione indigena doveva essere originaria dell’america del sud. Ciò nonostante va riconosciuto a Heyerdahl il merito di aver dimostrato che una colonizzazione dell’Isola di Pasqua sarebbe potuta avvenire anche dal Sud America. L’isola si doveva presentare come una immensa foresta di palme. La popolazione rimase numericamente modesta e sostanzialmente in equilibrio con le risorse naturali presenti. In seguito, però, nacque da parte degli abitanti la necessità di costruire i moai, il cui sistema di trasporto richiedeva notevoli quantità di legname. Cominciò pertanto un importante lavoro di disboscamento dell’isola che fu ulteriormente intensificato dopo il sensibile aumento della popolazione dovuto a nuovi sbarchi. La riduzione della risorsa forestale provocò un inasprimento dei rapporti sociali interni che sfociarono talora in violente guerre civili. Le condizioni di vita sull’isola divennero pertanto proibitive per la poca popolazione rimasta, in gran parte decimata dagli scontri interni e dai flussi emigratori. A spiegazione della precoce perdita di alberi dell’isola, oggi si sono portate avanti anche ipotesi riguardanti la possibile responsabilità dei ratti del tipo polinesiano che colonizzarono al seguito dei polinesiani attorno al 1500 oppure altri ratti che raggiunsero l’isola dopo il 1700 d.C., con gli sbarchi dei primi europei. L’assenza di predatori naturali, permise a questi piccoli mammiferi di moltiplicarsi a dismisura e, considerato che nella loro dieta alimentare entrarono immediatamente anche i semi di palma, si ritiene che abbiano potuto contribuire all’estinzione degli alberi dell’isola.

Andiamo a visitare il parco nazionale di Rano Raraku dove ammiriamo i primi siti archeologici dei Moai.

img_20160920_122859img_20160920_123147img_20160920_123251hdrimg_20160920_123406img_20160920_123559img_20160920_123953img_20160920_124033

La cava nei pressi di Rano Raraku è su una collina ed è dove vennero creati la maggior parte dei moai. I resti di questo vulcano hanno fornito le pietre per le statue ed è dove si possono ammirare le diverse fasi degli scavi assieme ad alcune figure rimaste incompiute. Vale la pena salire sul versante orientale del cratere, arrivare in cima e poi scendere all’interno. Il percorso sull’altro versante del cratere, dove si trova la maggior parte dei moai, porta a uno dei punti più spettacolari dell’isola. Rano Kau è quello che resta di un cono vulcanico e come Rano Raraku è pieno di acqua piovana e ha un aspetto soprannaturale e variegato davvero spettacolare.

img_20160920_124456img_20160920_125208img_20160920_125452img_20160920_125502img_20160920_125518img_20160920_130808

Ci spostiamo ora verso il sito più famoso dell’Isola di Pasqua. Rappresentato in migliaia di immagini è l’icona dell’isola stessa.

img_20160920_140543

Ahu Tonariki è il più grande altare (Ahu) mai costruito sull’isola ed è possibile ammirare sino a 15 Moai. Questo sito dona al visitatore immagini mozzafiato tra le più spettacolari dell’isola stagliandosi su un insenatura con rocce a picco sul mare.

img_20160920_140623img_20160920_141228img_20160920_141356img_20160920_142009img_20160920_142316img_20160920_142333img_20160920_142755img_20160920_143634

Proseguiamo verso il sito di Ahu Te Pito Kura dove si trova il più grande Moai mai trasportato dalla fucina di Rano Kau. E’ alto 10 metri ed è messo a faccia in giù.

img_20160920_170152

Nelle vicinanze del sito di Ahu Te Pito Kura si trova una pietra tonda con proprietà magnetiche portata da Hotu Matua leggendario primo colonizzatore e ariki mau (“capo supremo” o “re”) dell’Isola di Pasqua e antenato dei Rapa Nui. Il gruppo di Hotu Matua con le sue due canoe (o una singola canoa a doppio scafo) era composto da polinesiani della terra di Hiva (probabilmente le Isole Marchesi). Sbarcarono sulla spiaggia di Anakena spargendosi sull’isola, dividendosi in clan a seconda del figlio da cui discendevano e vivendo per oltre 1000 anni isolati sull’isola posta all’estremità sudorientale del triangolo polinesiano. La pietra rappresentava l’ombelico del mondo.

img_20160920_171607

Andiamo adesso alla spiaggia di Anakena una distesa di sabbia chiara circondata da palme ed a breve distanza da un paio di spettacolari siti archeologici. Il contesto è unico al mondo. Dopo un rinfrescante bagno, infatti, si può raggiungere il moai solitario di Ahu Ature Huki o Ahu Nau Nau con le sue fiere statue in tufo, a ricordo di una popolazione che ha lasciato tracce del suo passaggio attraverso un tipo di arte originale e unica.

img_20160920_173645img_20160920_173708img_20160920_174215img_20160920_174759img_20160920_180436img_20160920_180534img_20160920_180746img_20160920_180840img_20160920_180927img_20160920_180945img_20160920_181108

Finito il relax sulla bianca spiaggia, ritorniamo al nostro albergo e ci godiamo il tramonto mentre il sole scivola lentamente dietro l’oceano.

img_20160920_220609

Notte notte e alla prossima…

Osservatorio astronomico La Silla…

Dopo aver pernottato nell’igloo in PVC dell’astro hotel Elqui Domus, ripartiamo alla volta dell’osservatorio astronomico dell’ESO situato a La Silla. L’osservatorio si trova ai margini del Deserto di Atacama, a 600 km a nord di Santiago del Cile e a un’altitudine di 2400 metri slm. Come altri osservatori in questa zona, La Silla è situato lontano da sorgenti di inquinamento luminoso e, come l’Osservatorio del Paranal, sede del VLT, ha uno dei cieli notturni più bui della Terra. La Silla è una roccaforte dell’ESO sin dagli anni ’60. Qui l’ESO gestisce due telescopi della classe dei 4 metri, fra i più produttivi al mondo.

img_20160917_125417
Cancello d’accesso all’osservatorio

Lasciato il cancello per l’identificazione e l’accesso al sito, saliamo in macchina ed arriviamo dopo circa 10 minuti in cima a La Silla. Dopo una breve introduzione da parte della guida scientifica dell’ESO, iniziamo la visita dal telescopio NTT (New Technology Telescope) che ci attende con la sua imponenza in cima alla rampa.

img_20160917_145425
NTT sullo sfondo

Il New Technology Telescope da 3,58 metri (NTT) ha aperto nuove strade all’ingegneria e alla progettazione dei telescopi ed è stato il primo al mondo in cui lo specchio principale viene controllato da un computer (ottica attiva), una tecnologia sviluppata all’ESO e ora applicata alla maggior parte degli attuali grandi telescopi nel mondo.

img_20160917_152425
La cupola del telescopio NTT

 

img_20160917_151159
Lo specchio secondario da 0,875 metri
img_20160917_151922
Dettagli della camera CCD

Continuiamo la nostra visita all’interno della cupola che ospita il telescopio da 3,6 metri. Questo telescopio ospita ora il principale cercatore di pianeti extrasolari: HARPS (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher), uno spettrografo di precisione ineguagliabile.

img_20160917_152314
Telescopio da 3,6 m sullo sfondo

Sostiamo d’innanzi al maestoso telescopio attraversato dai raggi del sole che penetrano la cupola.

img_20160917_154137
Specchio secondario
img_20160917_154357
Dettaglio della montatura
img_20160917_155241
Scorcio in proiezione
img_20160917_155045
La gabbia di Cassegrain

Alla base del telescopio si trova la Cassegrain cage. All’interno di essa sono alloggiati gli spettrografi e altri strumenti. I primi tempi questa gabbia ospitava al suo interno l’astronomo osservatore. Oggi gli strumenti di controllo remoto hanno eliminato la necessità della presenza umana all’interno della gabbia stessa. Usciamo dalla cupola e in lontananza scorgiamo la nostra prossima meta: il telescopio submillimetrico  svedese.

img_20160917_160040
Telescopio submillimetrico

Questo radiotelescopio da 15 m di diametro, costruito nel 1987 è stato il primo della sua classe ad operare nell’emisfero australe. E’ stato dismesso nel 2003.

img_20160917_163127
Swedish telescope view

In passato è stato utilizzato per le osservazioni nella finestra della radiazione elettromagnetica delle onde submillimetriche di regioni del cielo quali il centro galattico e le nubi di Magellano.

img_20160917_162750img_20160917_162653img_20160917_161509img_20160917_161503img_20160917_161440

Scendiamo ora per la parte finale del nostro tour, visitando la control room ove remotamente vengono pilotati I telescopi presenti nel sito. Prima però gettiamo uno sguardo dall’alto dell’intero sito.

img_20160917_153632
La Silla landscape

Riprendiamo la macchina ed arriviamo al centro di controllo.

img_20160917_164334
La Silla control room

In questo stabile il personale scientifico e non ha a disposizione tutta una serie di strumenti a controllo remoto per governare tutti gli strumenti osservativi disponibili nel sito. La foto seguente mostra uno scorcio di un desk operativo dove astronomi, ingegneri ed operatori condividono lo spazio osservativo.

img_20160917_165401
La  Silla control desk

Al momento della nostra visita gli operatori dei telescopi stavano approntando le procedure propedeutiche alle osservazioni notturne che da li a poche ore sarebbero iniziate. Girando per la control room ci imbattiamo in questo avviso molto divertente.

img_20160917_170022
Compilate il mission report e ritirate la tazza come souvenir…

Un gadget divertente che viene donato ai ricercatori che adempiono alle procedure operative vigenti nel sito. La nostra visita si conclude qui e lasciamo l’osservatorio per far ritorno a La Serena, dove ci godiamo il tramonto sull’oceano e ci prepariamo alla prossima tappa. Ci rivediamo all’isola di Pasqua. Bye Bye…

img_20160917_193845
La Serena Ocean sunset

Se vi siete appassionati date uno sguardo a questo video dell’ESO che vi mostra l’osservatorio di La Silla…

 

Astro Hotel Elqui Domus…

Finalmente arriviamo all’astro Hotel Elqui Domus, situato a circa 110 Km dalla città di La Serena e 580 Km dalla capitale cilena Santiago. L’hotel è situato a circa 3.5 Km dalla piccola cittadina Pisco Elqui sulla strada per Horcon. E’ una vera chicca per gli inseguitori di stelle come noi. Molto accogliente ed è anche l’unico astro hotel dell’emisfero australe, su di un totale di sei astro hotel nel mondo.

hdr
Astro Hotel Elqui Domus reception

L’hotel dispone di sette tende geodetiche in PVC che possono ospitare quattro persone cadauna. Sono composte da due livelli: al piano terreno si trova la zona living e il bagno, mentre al piano superiore si trova il letto matrimoniale con a ridosso la cupola apribile per potersi addormentare sotto il cielo stellato.

Entriamo ora nella nostra cupola e vediamo la disposizione degli arredi.

 

img_20160916_174206
Living room #1

 

 

img_20160916_174215
Living room #2

 

 

img_20160916_174225
Living room #3

 

 

img_20160916_174233
Living room #4

 

 

img_20160916_174429
Bedroom

 

 

img_20160916_174908
Bathroom

 

Ed ora apriamo la cupola magica che ci proietterà verso le stelle…

 

img_20160916_174557
Apertura della copertura…
img_20160916_174625
Apertura completata con successo…

Oltre alle cupole in PVC l’hotel è dotato di quattro observatory rooms situate più in alto.

 

 

93
Observatory rooms

 

Dopo aver partecipato al tour astronomico proposto dall’Hotel, ci mettiamo a letto e proviamo l’emozione della visione notturna dalla cupola.

 

img_20160916_230832
La luna troneggia e rischiara la notte cilena…

E’ un esperienza che va vissuta appieno ed è molto emozionante per chi ama la natura e vuole riscoprire l’immensità del cosmo e sentirsi più vicino al creato. Adesso riposiamo e prepariamoci per la prossima tappa: l’osservatorio dell’ESO a La Silla. Notte notte a tutti…

 

 

La valle dell’Elqui…

E’ il cuore pulsante della produzione cilena di Pisco (famosa acquavite ricavata dalla distillazione di vino bianco e rosato aromatico e non) ed è ricoperta da un manto di verde striato.

Le colline verdeggianti ricoperte da distese di vitigni e da filiere di alberi da frutto quali la papaia gialla, l’avocado la rendono un luogo incantevole come un oasi in mezzo al deserto.

img_20160916_153813

Terra famosa per i suoi avveniristici osservatori astronomici, i cercatori di energia cosmica, i frequenti avvistamenti di UFO, la sua più famosa poetessa di sempre Gabriela Mistral ed i pittoreschi villaggi, è davvero un luogo incantevole ove ammirare la natura nelle sue mille sfaccettature. Al lago artificiale Embalse Puclaro (creato da una diga) si trova l’arpa eolica un diapason che vibra col vento ed emette suoni.

img_20160916_111855

Ascoltate il suono delle molecole d’aria che attraversano le corde del diapason… Il suono della natura…

Andiamo ora a mangiare le prelibatezze del luogo cucinate con la cucina solare. Il forno solare o cucina solare serve a cucinare qualunque alimento con la sola energia del sole. Il cibo è cotto senza fumo e combustibile fossile grazie ad un concentratore solare a parabola che riflette i raggi solari sulla pentola o barbecue generando fino a 220°C.

Andiamo ora nella piccola città di Vicuna, culla della poesia onirica di Gabriela Mistral. situata appena a 62Km da La Serena è un ottimo punto di partenza per visitare la valle dell’Elqui. La sua semplice piazza, l’atmosfera idilliaca e le case basse meritano del tempo per poter essere ammirate in tutta serenità.

img_20160916_160618

img_20160916_160601

La piazza si staglia sul sagrato della locale chiesa in puro stile coloniale.

Proseguiamo il nostro viaggio alla volta di Pisco Elqui, così ribattezzato per pubblicizzare il prodotto più famoso della zona. Il villaggio in origine veniva chiamato La Uniòn ed è composto da una piccola comunità situata nella parte superiore del bacino del Rio Claro, affluente dell’Elqui.

L’attrazione principale del luogo è ovviamente la distilleria Pisco Mistral produttrice dell’omonima marca di Pisco Mistral. Aggirandoci tra le stanze del museo cittadino possiamo ammirare l’architettura locale e gli strumenti necessari alla frabbricazione del distillato.

Il sole sta scivolando dietro le montagne cilene, e per noi è giunto il momento di trovare una sistemazione per la notte. Nel prossimo post sveleremo il luogo segreto. Notte notte…

La serena Isla Damas…

Voliamo sopra le montagne andine verso sud e più precisamente verso La serena.img_20160914_094855

E’ la seconda città più vecchia del Cile e ha diversi splendidi edifici ed un lungo litorale dorato. questa miscela ne fa una località balneare ideale per i turisti che amano la cultura.

img_20160918_115044

Gironzolando per le vie cittadine si scoprono solenni chiese costruite con la pietra, grandi viali alberati e deliziose piazzette. Alcune costruzioni risalgono all’epoca coloniale, ma la maggior parte risalgono all’epoca neocoloniale. La striscia di mare di La serena va dal faro della città oramai in disuso sino a Coquimbo.

Al mattino presto ci rechiamo al porto di Caleta Punta de Choros dove ci aspetta l’imbarcazione che ci condurrà a Isla Damas.img_20160915_111107img_20160915_134415

Saliamo a bordo dell’imbarcazione assieme ad altri turisti, infiliamo il giubbotto salvagente ed iniziamo a navigare alla volta dell’isola.img_20160915_124313

Isla Damas è parte della riserva nazionale dei pinguini di Humboldt. E’ un parco naturale che ha un estensione pari a 800 ettari, creato per proteggere le colonie di leoni marini, delfini, lontre di mare, pellicani altre specie di uccelli ed ovviamente i pinguini di Humboldt.img_20160915_124734Una famiglia di leoni marini si godono il sole di mezzogiorno.img_20160915_130217

Dei cuccioli di leone marino ci osservano dalla loro dimora ricavata tra le rocce dell’isola.img_20160915_130851

Passiamo accanto ad un gruppo di pellicani appollaiati sugli scogli.img_20160915_131009

Proseguiamo il giro delle isole e approdiamo in un punto dove le deserte spiagge di sabbia bianca e le acque turchesi ci accolgono come dei moderni Crusoe.img_20160915_133211img_20160915_133235

Ci attende sulla spiaggia l’ambasciatore che ci porge i saluti di tutta la fauna dell’isola.img_20160915_133325

La combinazione tra l’anticiclone del Pacifico e la corrente fredda di Humboldt ha creato questo paesaggio arido che caratterizza la frangia costiera del deserto di Atacama. Il clima risulta a temperatura uniforme, con abbondante nuvolosità e basse precipitazioni. La vegetazione è composta principalmente da cactus a colonna e a cespuglio.

E adesso una serie di foto a conclusione di questa meravigliosa escursione marina.

 

Geysers del Tatio…

La sveglia alle 5 AM inesorabilmente ci ridesta dal nostro sonno e credetemi questo viaggio ci ha regalato poche ore di riposo ma ci ha ripagati con un susseguirsi di emozioni e bellezze naturali mai visti prima. Facciamo colazione ed aspettiamo la guida che ci condurrà ai Geysers. Durante il tragitto nel buio del deserto alziamo lo sguardo dal finestrino e la miriade di stelle ancora ci accompagna sino al plateu del Tatio. Appena scesi dal pulmino, ci ritroviamo immersi in un paesaggio extraterrestre e la sensazione di trovarsi all’interno di un gigantesco bagno turco.

img_20160912_075537

L’area è circondata da vulcani e nel plateau vi sono circa 64 geiser e quasi un centinaio di fumarole. Camminando veniamo avvolti dalle colonne di vapore che si innalzano verso il cielo. Questa ascesa viene accompagnata dal suono del ribollire dell’acqua, dai zampilli e dai fischi emessi dalla pressione dell’acqua mentre fuoriesce dai pertugi nel terreno.

img_20160912_075721

Alle 6 del mattino ad un altitudine pari a 4300 m. slm la temperatura è ancora sotto lo zero e i getti di vapore ci forniscono il tepore necessario per proseguire la visita. Il Tatio è il campo geotermico più alto del mondo. La vista dei suoi pennacchi di vapore che si stagliano sul cielo terso del mattino cileno è indimenticabile.

img_20160912_084226

Al sorgere del sole i suoi raggi attraversano i vapori delle fumarole creando un gioco di luci e riflessi incredibile.

img_20160912_084604

img_20160912_085541

Le strutture minerali che si formano quanto l’acqua bollente evapora sono di una rara e splendida bellezza.

I geysers di trovano a circa 95 Km a nord di San Pedro de Atacama e la gestione è stata affidata dal governo cileno ai nativi atacameno. Perchè le visite a questo sito geologico si fanno all’alba? Perchè è il momento migliore per vedere i geysers in azione. Verso le 8.30 AM il vento disperde il calore e lo spettacolo dei pennacchi di fumo esce di scena per lasciare il posto al sole ed al cielo blu. Se vi piace fare il bagno termale potete farlo nella piscina naturale. Ma fate attenzione perchè il sito è pieno di pericoli. In alcuni punti il terreno che separa il fondo del bacino dalle cavità sottostanti piene d’acqua bollente è sottile e potrebbe cedere al vostro peso. Attenzione anche alle pozze d’acqua bollente. non mettete le mani e state sempre a debita distanza. Nel corso degli anni si sono verificati incidenti con visitatori che hanno riportato ustioni ed alcuni sono morti. Ammiriamo la natura ma sempre consapevoli delle insidie che la sua bellezza cela ai nostri occhi.

img_20160912_084632